Indice del forum www.zeroshell.net
Distribuzione Linux ZeroShell
 
 FAQFAQ   CercaCerca  GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo  Log inLog in   Messaggi privatiMessaggi privati 

Zeroshell e GPL2

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> ZeroShell
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
zanzamento



Registrato: 11/02/07 11:56
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Dom Feb 11, 2007 12:06 pm    Oggetto: Zeroshell e GPL2 Rispondi citando

Premesso che apprezzo il lavoro fatto per questa minidistro, rilevo sostanzialemente un completo mancato rispetto della GPL2. La GPL2 prevede infatti che tutto il software opensource sia rilasciato, esattamente cosi come lo si è trovato, completo di sorgenti affinchè ogni membro della community opensource possa adattare il lavoro alle proprie esigenze. Zeroshell invece, pur basandosi completamente sul lavoro della community FSF e OSF ignora completamente questa regola, infringendo completamente la GPL2. La distro infatti viene rilasciata solo con codice proprietario compilato ed i file system (incluse le partizioni nascoste) vengono montate readonly, non permettendo a nessuno di poter, come previsto da GPL2, usare quel punto di partenza per personalizzare il codice sorgente. Tralaltro le risposte su questo punto sono sempre state, se controllate nei forum, appositamente evasive. Ci sono 2 soluzioni: rispettare a pieno la GPL, o eliminare da Zeroshell tutte le parti usate in GPL affinchè sia rispetta la GPL del codice di base utilizzato. Non credo sia corretto continuare ad usare questo atteggiamento. Se tutta la community opensource si comportasse cosi, sarebbe la fine del Free Software.
Spero che questo messaggio non venga eliminato dalla pubblicazione.
Top
Profilo Invia messaggio privato
fulvio
Site Admin


Registrato: 01/11/06 17:45
Messaggi: 1558

MessaggioInviato: Dom Feb 11, 2007 5:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Colgo l'occasione, visti i legittimi dubbi che si possono creare, di chiarire alcuni punti sui quali, per mancanza di tempo e non per voler imbrogliare qualcuno, sono sembrato forse evasivo.

1) Zeroshell, che sviluppo nel mio tempo libero, deriva dalla compilazione di software Open Source, così come descritto nella guida di Linux From Scratch e a cui tutti possono accedere.
In più, a questa distribuzione di base, ho aggiunto un certo numero di pacchetti, derivandoli direttamente dai codici sorgente originali i cui nomi sono citati nel sito web di Zeroshell.
Credo, ma mi informerò meglio su questo, di non dover ridistribuire tali pacchetti sorgenti poiché sono già disponibili altrove visto che io non applico alcuna modifica su questi.

2) La parte sviluppata da me è sostanzialmente l'interfaccia web con cui si configurano i servizi di rete.
Tale interfaccia, che risiede nella directory /root/kerbynet.cgi delle immagini ISO e CompactFlash, è costituita, come si può immaginare, da codice HTML e Javascript che non è codificato e può essere visionato nella directory /root/kerbynet.cgi/template.
La configurazione effettiva dei servizi viene invece demandata a degli script in bash che sono localizzati in /root/kerbynet.cgi/scripts.
Ovviamente anche in questo caso gli script sono leggibili.
Tutto ciò non lo sto dicendo soltanto adesso, ma è da sempre scritto all'URL http://www.zeroshell.net/msgsource.php che compare quando dalla pagina di download quando si cerca di accedere al CVS.

3) Il rendering delle pagine HTML e lo smistamento dei comandi provenienti dai FORM HTTP avvengono tramite il file binario kerbynet (penso che sia il codice proprietario a cui si allude) i cui sorgenti sono in C++ compilato con gcc. Se non ho ancora pubblicato i sorgenti di questo componente è soltanto perché non ho avuto il tempo di inserirvi gli appositi header previsti dalla GPL e di organizzare un minimo di documentazione necessaria a chi voglia apportarvi modifiche senza incorrere nel pericolo di creare dei buchi di sicurezza nel delicato sistema di autenticazione a ticket in esso implementato.

4) Come molti già sanno perché hanno seguito lo sviluppo dall'inizio, soprattutto sulle mailing list, Zeroshell doveva essere disponibile direttamente dalla release 1.0.0.
In realtà poi, su pressione di quanti volevano provarlo in anticipo e visti i miei impegni che mi impediscono in tempi brevi di arrivare alla versione stabile, ho deciso di rilasciare le versioni beta, impegnandomi subito dopo a mettere in piedi un sistema di CVS e quant'altro potesse favorire quanti vogliano prendere parte attiva nello sviluppo. Tuttavia, rendendomi conto che questa mia decisione, di anticipare il download delle immagini beta senza aver fornito il sistema di sviluppo possa aver destato preoccupazioni per un mio non rispetto della GPL2, mi impegno quanto prima a fornire se non un CVS, almeno uno snapshot dei sorgenti in C++ dell'eseguile kerbynet.
La documentazione di tali sorgenti e più in generale dell'implementazione dell'interfaccia web di Zeroshell sarà comunque disponibile dopo il rilascio della versione 1.0.0.

5) Esaminando poi, non troppo frettolosamente, la Live CD e la Compact Flash si nota che non ho rimosso il compilatore gcc e quindi, ottenere il sistema di sviluppo, cioè il filesystem originale su cui io ci metto le mani non è cosa poi così complicata: basta farsi un tar quando la LiveCD è in funzione e poi estrarre tutto su di un filesystem ext3 appena formattato. Ovviamente non ho rimosso neanche grub con il quale potete rendere avviabile il vostro disco. Inoltre una procedura simile è descritta sul forum in lingua Inglese da uno smanettone che ha eseguito esattamente il procedimento inverso a quello compiuto da me per ottenere le immagini.

6) Vi faccio in ultimo notare che la versione CompactFlash e per WRAP non è altro che la stessa ISO9660 copiata nella partizione centrale (hda2). In questa maniera, oltre alla semplicità con cui ottengo queste immagini (mi basta fare un dd della iso sul /dev/hda2), ottengo gratuitamente il risultato di non usurare la compact flash con operazioni di scrittura.

Adesso mi piacerebbe avere delle risposte dall'autore del post precedente:

Quali sono le partizioni che io avrei nascosto?

Quali quelle che ho montato in ReadOnly per evitare che qualcuno ci faccia delle modifiche?

Saluti a tutti
Fulvio
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giupino



Registrato: 19/01/07 15:54
Messaggi: 21

MessaggioInviato: Lun Feb 12, 2007 3:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Fulvio ho seguito un pò la discussione e vorrei far notare una cosa.
Tu dici questo:

Citazione:
3) Il rendering delle pagine HTML e lo smistamento dei comandi provenienti dai FORM HTTP avvengono tramite il file binario kerbynet (penso che sia il codice proprietario a cui si allude) i cui sorgenti sono in C++ compilato con gcc. Se non ho ancora pubblicato i sorgenti di questo componente è soltanto perché non ho avuto il tempo di inserirvi gli appositi header previsti dalla GPL e di organizzare un minimo di documentazione necessaria a chi voglia apportarvi modifiche senza incorrere nel pericolo di creare dei buchi di sicurezza nel delicato sistema di autenticazione a ticket in esso implementato.


Il problema, come ha notato anche lo "smanettone", è che se si installa su HD, come ha fatto lui, non ci riesce più ad usare il binario kerbynet da te creato... (non si risece a configurare zeroshell da web) Il tutto funziona solo se il fs è su ramdisk...
Capisci che allora tutto diventa inutile.. Se installo e cmq devo caricare in ram nn posso salvare le eventuali modifiche che si faccio.
Ciao.
Peppe

ps. non vuole essere una critica alla tua distro, solo un appunto.
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
fulvio
Site Admin


Registrato: 01/11/06 17:45
Messaggi: 1558

MessaggioInviato: Lun Feb 12, 2007 5:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

Visto il clima di sospetto, ci tengo a dire che kerbynet non contiene alcun controllo che lo faccia girare soltanto su filesystem in RAM.
Ho riguardato la procedura eseguita dallo "smanettone" e l'unica cosa che mi viene in mente è che il cp -r non abbia preservato qualche permesso.
Forse il cp -rp sarebbe meglio. Per altro un tar secondo me è ancora più efficace soprattutto se la live sta girando.
Poiché kerbynet gira con privilegi del web server apache, per poter eseguire comandi da root, è essenziale che /etc/sudo abbia il setuid attivo.
Se così non è basta dare il comando chmod u+s /etc/sudo

Ciao
Fulvio
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giupino



Registrato: 19/01/07 15:54
Messaggi: 21

MessaggioInviato: Lun Feb 12, 2007 6:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ci tengo a precisare una cosa.
Ti assicuro che la mia domanda non sottintendeva nessuna "accusa" (virgolettato perchè accusa è una parola grossa).
Sono sicuro che kerbynet non contiene alcun controllo(e se c'è è sicuramente involontario).
La mia curiosità nasceva dal comportamento della "live" su Hd da me inaspettato.
Cmq proverò a rifare la procedura come mi suggerisci, e per qualsiasi sviluppo, se vuoi, posso tenerti informato.
Ciao e Buon Lavoro.

Peppe
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
zanzamento



Registrato: 11/02/07 11:56
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Mar Feb 13, 2007 3:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ringrazio per lo "smanettone". In realtà mi pare che il problema da me sollevato non fosse sentito solo dal sottoscritto. Il problema del codice sorgente non è tanto riportare il codice di altri ma quanto quello proprio. La GPL su cui si basa l'intero concetto della comunità è che usando il codice di altri lo si migliora/adatta alle proprie esigenze. Proprio per questo la GPL prevede che usando software in GPL tutto quello che ne partorisce (TUTTO) deve essere rilasciato in GLP e disponibile in forma source, affinchè ognuno possa adattarlo alle proprie esigenze. Nel mio caso semplicemente volevo aggiungere dei pacchetti o customizzare le pagine, cosa che non mi era sembrata cosi chiara ed aperta. E' evidente che con le tue ultime informazioni si può tentare di capire di più (pur rimanendo a tutt'oggi alcune parti oscure/oscurate (Kerbynet?)) e magari adattare alle proprie esigenze (magari aggiungendo Squid da soli, senza attendere che debba per forza essere fatto da Fulvio). E' evidente che il montare read-only la hda2, o dover costringere a manovre strane per tali adattamenti non è lo standard tradizionale di Linux, tralaltro non è neanche descritto che il filesystem è ISO (ora la sappiamo e lo si era capito..) ma anche questo lasciava adito a dubbi di "apertura". Non mi pare sia l'unico ad aver trovato strano come si comporta la live su HD, che da la senzazione (senz'altro sbagliata...) che si sia voluto impedire modifiche o personalizzazioni della distro. Ripeto il lavoro è interessante e ben fatto, ma proprio per questo, sarebbe piacevole poter lavorare ognuno per poter adattare le cose a proprio piacimento, come da sempre si fa nella community. Non sono neanche contrario al softare chiuso, se vuoi, ma allora non bisogna usare pezzi di codice Linux, o software in GPL. Pensa se lo facessero tutti. Non si sarebbe mai potuta costruire Zeroshell.
Top
Profilo Invia messaggio privato
fulvio
Site Admin


Registrato: 01/11/06 17:45
Messaggi: 1558

MessaggioInviato: Mar Feb 13, 2007 6:40 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il termine "smanettone" non è riferito a te ma a fergon autore del post http://www.zeroshell.net/eng/forum/viewtopic.php?t=210.
Credo che io te la pensiamo nello stesso modo, ma parliamo una lingua differente e non ci capiremo mai.
Zeroshell è nata come livecd che è ReadOnly per definizione e come sistema per dispositivi embedded come il WRAP che utilizzano le compactflash. La necessità di montare la partizione hda2 come ISO9660 è dovuta al fatto, che i dispositivi flash hanno un numero limitato di cicli di scrittura. Sempre per lo stesso motivo, la root va montata in RAM per evitando così il logoramento del dispositivo.
Zeroshell che mirata a fonire soltanto servizi di rete, non è pensata per essere installata su HD così come lo sono Fedora, RedHat e tante altre che invece sono distribuzioni general purpose.
Per tener conto comunque delle tante richieste, giunte soprattutto via e-mail, di quanti volevano utilizzare il disco rigido, ho scritto la FAQ http://www.zeroshell.net/faq/storage/#sto.faq1 da considerarsi solo un workaround e non una soluzione definitiva.

Ciao
Fulvio
Top
Profilo Invia messaggio privato
zanzamento



Registrato: 11/02/07 11:56
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Sab Feb 17, 2007 1:17 am    Oggetto: Rispondi citando

Perchè no? Io penso invece che possiamo capirci. Il fine è comune, migliorare sempre e dare sempre più spazio ad OpenSource. Mi pare che il lavoro che tu hai fatto sia veramente utile ed interessante, il mio suggeruimento era di renderlo sempre più fruibile e veramente aperto affinchè ognuno possa aggiungervi del suo e farne un incremento continuo. Il bello di potersi adattare, personalizzare, modificare e partire da dove altri arrivano e poi restituire alla comunità per farne un nuovo punto di partenza per tutti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> ZeroShell Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it