Indice del forum www.zeroshell.net
Distribuzione Linux ZeroShell
 
 FAQFAQ   CercaCerca  GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo  Log inLog in   Messaggi privatiMessaggi privati 

Ripartitore di carico con Zeroshell per RDP.

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> ZeroShell
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
patriknever



Registrato: 22/09/07 21:30
Messaggi: 8
Residenza: Rimini

MessaggioInviato: Mer Giu 11, 2008 9:59 am    Oggetto: Ripartitore di carico con Zeroshell per RDP. Rispondi citando

Nell'ottica di condividere le esperienze sul campo vi faccio un breve riassunto del mio lavoro che sicuramente non è una implementazione standard di Zeroshell.
Colgo l'occasione per ringraziare Fulvio per l'ottimo prodotto.

Premessa: il mio problema era ripartire il carico di lavoro fra 40/70 macchine che eseguono servizi terminal, server apache e ftp. Ho una connettività esterna a 70Mbit bidirezionali su fibra di Fastweb che aggiornerò il prossimo anno a 100. I miei utenti si collegano da tutto il mondo e saranno oltre 2000 il prossimo anno con un tasso di crescita linere (per adesso).
Esistono diversi prodotti vedi Loadbalancer o Barracuda che eseguono questo lavoro egregiamente, tuttavia hanno un costo notevole e sono scarsamente reperibili in Italia. Poi trattandosi di appliance sono scarsamente scalabili (della serie buttare e ricomprare). La scalabilità in una piccola azienda come la mia è fondamentale, occorre reagire velocemente alla eventuale richiesta di altre utenze.

Ho iniziato installando Zeroshell come macchina virtuale su un server windows 2003 e Vmware su un HP ML370G5 con processore Xeon a 2Ghz e arra y di 4 dischi SAS. La macchina virtuale aveva a disposizione 512Mbyte di ram. Sullo stesso server giravano altre 2 macchine virtuali, un file server/ftp server e un PDC. Questa soluzione è stata praticabile fino ad un carico massimo di 400-450 utenti collegati, poi le prestazioni sono bruscamente decadute. Questo perché è aumentato proporzionalmente il carico su tutte e 3 le macchine virtuali e il server è andato in crisi. Il tutto si percepiva come un rallentamento degli applicativi in modalità terminal. Tuttavia non c'è stato mai alcun blocco del sistema. A questo punto, visto che zeroshell ha dimostrato una certa stabilità ho deciso definitivamente di adottarlo come ripartitore di carico e ho scelto di installarlo su una macchina dedicata, molto più potente, dotata di schede di rete da 1Gbit e processore Core 2 quad di HP. Nella fattispecie un Hp Pavilion M9080, Intel Core2 Quad Q6600, 3gb Ram, Hd 500gb. Purtroppo questo computer ha solo uno slot PCI di espansione e la scheda lan Gbit integrata non è compatibile con il kernel linux impiegato per zeroshell. Quindi non ho potuto montare 2 schede lan Gbit e ho dovuto abbandonare il progetto. Ho ripiegato su un siemens (pentium D a 2,8Ghz con 2Gbyte di ram) al quale ho montato 2 schede D-link Gbit. Della serie “usa quello che hai a magazzino”. Dopo averlo tenuto in test per una settimana l'ho messo in produzione e ho constatato un aumento notevole delle performances. Ad oggi sono arrivato a collegare 850-900 utenti contemporanei senza problemi di rallentamenti.
Prossimo passo: proverò a scalare il tutto su un server 1U basato su processore Xeon che inserirò in un armadio di rete (lo devo ancora acquistare).
In conclusione

Vantaggi:
Costo
Scalabilità
Stabilità
Prestazioni più che buone

Problemi riscontrati:
Zeroshell non gestisce l'eventuale avaria di uno o più server, quindi occorre monitorare gli stessi in tempo reale ed intervenire manualmente in caso di guasto.
Zeroshell ha un algoritmo (round robin) di ripartizione del carico che è poco flessibile e soffre di una certa granularità nel caso in cui gli utenti esterni si colleghino sul sistema da una lan aziendale, quindi uscendo tutti sullo stesso router. In questo caso Zeroshell li dirotta tutti sullo stesso server.
Top
Profilo Invia messaggio privato
fulvio
Site Admin


Registrato: 01/11/06 17:45
Messaggi: 1558

MessaggioInviato: Mer Giu 11, 2008 8:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie per la testimonianza. Se tutti semplicemente postassero la loro esperienza o scrivessero una piccola guida su come hanno ottenuto i loro risultati, sicuramente aiuterebbero Zeroshell a migliorare.

Ciao e grazie ancora
Fulvio
Top
Profilo Invia messaggio privato
marcy56



Registrato: 22/10/10 11:50
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Ven Ott 22, 2010 12:04 pm    Oggetto: Ripartitore di carico con Zeroshell per RDP. Rispondi citando

Salve, vedo che non hai problemi di sorta con la tua infrastruttura e mi fa piacere, a vedere dai numeri che riporti deve essere una grossa realtà. Noi invece con 2 gateway ADSL (7Mbit) e un paio di server in ufficio abbiamo dei grossi problemi di connessione RDP dall'esterno. Lentezza e perdita di connesioni, inusabile. Mentre invece se disabilito un gateway tutto normale. Non sono ancora molto pratico di rules in Zeroshell e sto tentando di configurlo al meglio. Saresti così gentile da postare le regole che usi per il tuo zeroshell a proposito di RDP. Grazie.
_________________
Marcello
Zerobyte srl
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> ZeroShell Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it